NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Morfologia

Scritto da Super User in data 03 Marzo 2014

associazione colmen linea insubricaL'aspetto che più colpisce osservando il Cùlmen di Dazio(1) è il fatto che questa massa abbia resistito lì in mezzo alla valle milioni di anno ai vari sommovimenti geologici avvenuti nell'area e poi a tutti gli eventi legati all'orogenesi alpina e alla successiva erosione effettuata sia dagli elementi atmosferici che dai ghiacci e dalle acque di fiume e torrenti. Non solo ha resistito ma ha anche provocato la deviazione della valle che, dopo Ardenno, ha dovuto fare una brusca curva a sinistra, così come anche l'Adda che, insieme ai ghiacciai di epoca anteriore, questa valle ha scavato.

Tutto è dovuto al materiale molto resistente di cui il Culmine è costituita, molto differente evidentemente da quello circostante che è stato eroso senza alcun rispetto. Questa collina posta in mezzo alla Valtellina e allo sbocco della Val Masino è costituita dal punto di vista geologico da un plutone granitico (2) creatosi per eventi vulcanici sotterranei, in età ercinica, quindi molto prima della formazione della catena alpina (a partire da circa 130 Ma) e dell'inserimento, ancora più tardivo nelle Alpi, del Plutone Màsino-Bregaglia (circa 30 Ma) costituito dai famosi graniti Serizzo e Ghiandone. Questo nucleo di roccia più compatta e resistente rispetto a quella circostante è diventata una vera e propria barriera per ghiacciai quaternari provenienti dalla Val Màsino e dall'alta Valtellina, che quindi hanno dovuto deviare il loro percorso. Si è così creata, anche grazie all'azione erosiva di tanti diversi fattori, questa collina tondeggiante, ora ricoperta di boschi che è ben riconoscibile sia da chi proviene da Colico sia da chi proviene da Sondrio.

Altro aspetto da sottolineare è il passaggio, poco a nord del Cùlmen della cosiddetta Linea Insubrica e del Tonale, una delle maggiori faglie di tutto l'arco alpino. Questa faglia che in senso longitudinale attraversa non solo la Valtellina, ma anche il Canavese (Piemonte), prosegue nel Canton Ticino (Svizzera), attraversa la Valtellina e continua, attraverso il passo del Tonale, fin verso la val Pusteria (Alto Adige) e la valle della Drava (Slovenia), divide il settore Sudalpino delle Alpi, della regione Nordalpina, segna la demarcazione fra la formazioni cristalline meridionali delle Alpi e Prealpi Orobie, dalla Alpi propriamente dette, chiamate in Valtellina anche Retiche.

1) In dialetto a seconda della località, è utilizzato sia al maschile "il Cùlmen" che al femminile "la Còlmen".

2) Intrusione magmatica nelle preesistenti rocce metamorfiche.

Si ringrazia per il testo il periodico

"Le Montagne Divertenti"

In particolare:

Fabio Pusterla (autore dei testi e foto)

Franco Benetti (autore approfondimento geologico)

Roby G. (autore foto)

 

 

Informazioni correlate

  • Data: Lunedì, 03 Marzo 2014
  • Visite: 2182

Associazione Colmen

  • 23017, Desco frazione di Morbegno
    via Guglielmana, 3

Riferimenti

C.F. 91014350143
Legale rap.tante Emanuele Paniga

Seguici su